CREMAZIONI, AFFIDI E DISPERSIONE

AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE

La cremazione di ciascun cadavere deve essere autorizzata dall’Ufficiale dello Stato Civile del Comune di decesso nel rispetto dei princìpi e delle modalità di cui alla L. 30/03/2001 n. 130, dietro presentazione dei documenti indicati all’art. 79 del Regolamento Governativo (DPR 285/1990) e nella Circolare del Ministero della Sanità n. 24 del 24 giugno 1993.

URNA CINERARIA 1. Fermo restando quanto disposto dalla L. 30 marzo 2001 n. 130 in materia di dispersione delle ceneri, le ceneri derivanti dalla cremazione di ciascun cadavere, devono essere raccolte in apposita urna cineraria, e con le caratteristiche e indicazioni previste al paragrafo 14.1, lettera d) della Circolare del Ministero della Sanità n. 24 del 24 giugno 1993. 2. L’urna deve portare all’esterno l’indicazione del nome, cognome, data di nascita e di morte del defunto. 3. Ogni urna deve raccogliere le ceneri di un solo cadavere.

TRASPORTO DELLE URNE CON LE CENERI

Il trasporto delle urne contenenti i residui della cremazione non è soggetto ad alcuna delle misure precauzionali igieniche stabilite per il trasporto delle salme.

Le ceneri
Dopo la cremazione, le ceneri sono raccolte all’interno di un’urna cineraria, che viene sigillata e avra’ una propria matricola identificativa.
Il coniuge o i parenti della persona defunta potranno decidere la loro destinazione: tumulazione, inumazione, affidamento, dispersione.

Tumulazione delle ceneri
Può avvenire in un loculo cinerario di nuova concessione o in un manufatto cimiteriale già in concessione.

Affidamento delle ceneri
L’urna cineraria può essere affidata al coniuge o a un parente e deve sempre rimanere sigillata. Qualsiasi spostamento dell’urna deve essere comunicato con anticipo al comune di residenza dell’affidatario.

L’ Affidamento delle ceneri e’ di competenza dello Stato Civile del Comune ove viene richiesto l’affido.

Dispersione delle ceneri
Le ceneri possono essere disperse in natura, presso un’area attrezzata dell’Amministrazione Comunale o in aree private all’aperto sempre sotto richiesta inoltrata e visionata dallo Stato Civile del comune ove viene richiesto il servizio